Italiano 1

PER INIZIARE che non velocizza, anzi spesso confonde, l acquisizione della lettura. Si suggerisce sempre lo stampato maiuscolo e da più fonti viene citato il metodo fono-sillabico, che sembra dare i migliori risultati in termini di resa e nel rapporto tempo/risultato. comunque fondamentale seguire il metodo che conosciamo meglio e che abbiamo avuto modo di sperimentare sul campo, esplorandone a fondo le potenzialità e i limiti. L apprendimento del corsivo Alcune scuole di pensiero, per prevenire disturbi di disgrafia, hanno introdotto nuovi metodi che, a differenza del metodo tradizionale, non presentano le lettere una per una. Si tratta di proposte orientate alla tipologia del tratto più che al significato dello stesso. Per esempio, sui quaderni operativi di questo tipo, si presentano lettere che hanno in comune un certo tipo di segno grafico, a prescindere dal discorso sillabico. Vengono così presentati, per esempio, i segni: perché accomunati dal movimento della mano necessario per tracciarli. Se da un lato il metodo è un sicuro supporto per i bambini disgrafici, si può tuttavia obiettare che il compilare pagine e pagine di segni senza significato penalizza fortemente l attività sul piano motivazionale, anche se può rappresentare un aiuto nella prevenzione della difficoltà. Più tradizionalmente, occorre presentare il corsivo ponendo attenzione alle altezze di discendenti e ascendenti, su quadretti o righe di ampiezza adeguata. Al momento del passaggio al corsivo, oltre ai consueti esercizi di imitazione e trascrittura dallo stampato, è comunque importante sollecitare la scrittura spontanea, motore degli aspetti emozionali e cognitivi. A seconda delle esigenze della classe e dei singoli alunni, potremo utilizzare strumenti diversi per personalizzare il percorso di apprendimento, aprendoci alle molte possibilità offerte dalla più recente e accreditata ricerca in campo pedagogico-didattico. Schede dalla 1 alla 14 qui di seguito Il passaggio al corsivo Per la conoscenza e l uso del corsivo gli esercizi saranno finalizzati non solo alla memorizzazione dei segni grafici, ma anche all acquisizione dell abilità psicomotoria necessaria a riprodurli (motricità fine della mano), come esemplifica la riproduzione a fianco. Il corsivo, infatti, richiede un tratto grafico fluido, sia per scrivere le singole lettere sia, soprattutto, per legarle l una all altra. Anche per questo tipo di scrittura procediamo in modo graduale: 45

Italiano 1
Italiano 1
Guide smart