Discipline 1

MI ORIENTO NEL TEMPO La causa, l effetto Attività L invenzione di storie costituisce un ottimo terreno su cui esercitare la capacità di cogliere e di stabilire nessi causali. vero che la creatività e la fantasia possono sfuggire alle regole della logica comune, ma anche nell invenzione di personaggi e di situazioni paradossali vale la logica fantastica . Per esempio, un personaggio immaginario, pur essendo inventato, dovrà agire, muoversi, contrarre relazioni, subire incidenti, provocare eventi e determinare conseguenze obbedendo alla natura della materia di cui è fatto: proprio come insegna Gianni Rodari nella sua Grammatica della fantasia. Accenniamo alla concatenazione di eventi che si susseguono secondo il criterio logico della causalità. Forniamo ai bambini e alle bambine le schede in fotocopia e discutiamo insieme a loro delle possibili cause e dei possibili effetti prodotti nelle situazioni illustrate. Lo scopo delle attività è abituare gli alunni a risalire ad eventi pregressi e ad anticipare eventi partendo da dati di realtà che suggeriscono ipotesi sul prima e sul dopo. Le attività stimolano il pensiero logico perché insistono sull aspetto della consequenzialità legata all ordinamento dei fatti. A questo scopo potremo utilizzare i brani narrativi presenti sul testo in adozione o proporre semplici fiabe all interno delle quali riconoscere di volta in volta i nessi causali, come esemplificato di seguito nella fiaba di Biancaneve e nella leggenda della Sardegna. Perché la matrigna dà ordine di uccidere Biancaneve? Perché è invidiosa della sua bellezza. Perché il guardacaccia non uccide Biancaneve? Perché non vuole ubbidire all ordine della regina malvagia. Perché la matrigna si traveste da vecchietta? Perché lo specchio magico le rivela che Biancaneve è viva e la matrigna vuole ucciderla con l inganno. Perché Biancaneve mangia la mela avvelenata? Perché non riconosce la matrigna e si fida della vecchietta gentile. Le Janas partecipavano alle feste al tramonto del Sole perché Gli stranieri volevano rubare gli abiti e i gioielli delle Janas perché Nelle mani del ladro restò solo un mucchietto di cenere perché Le Janas abbandonarono la Sardegna perché I bambini illustrano la leggenda sul quaderno lavorando in coppia. 105

Discipline 1
Discipline 1
Guide smart