Volume 2

Leo pensò a quella gara tutta la notte. Il giorno dopo prese la bicicletta e ricominciò a provare. Saliva e cadeva, pedalava e cadeva, cercava di andare dritto e cadeva. Tutti i giorni provava e cadeva, ma non si arrese mai e, alla fine, al parco iniziò a pedalare insieme agli amici e alle amiche. Poi iniziò a percorrere tragitti sempre più lunghi. Così Leo si iscrisse a una gara e vinse una bellissima medaglia! Una volta diventato grande, le persone lo chiamavano BiciLeo. Così decise di aprire una scuola di ciclismo e insegnò ai più piccoli ad andare in bicicletta. Claudia Masiero Dopo aver letto il racconto, stimoliamo una conversazione ponendo ai bambini e alle bambine alcune domande. Qual è il punto debole di Leo? Di quale colore è la sua bicicletta? Perché Leo non la usa? Come impara ad andare in bicicletta? Tu sai andare in bicicletta? Qual è il tuo sport preferito? 273

Volume 2
Volume 2
Tutto è possibile