Volume 1

SEGNALI PREDIT TIVI In sintesi La didattica inclusiva: utilizza una metodologia partecipata e collaborativa; promuove la motivazione; cura il coinvolgimento emotivo e cognitivo; si pone l obiettivo di personalizzare e di non lasciare indietro nessuno; esplicita il rapporto con il sapere, dà il senso del lavoro didattico-educativo; sviluppa la capacità di autovalutazione; negozia diversi tipi di regole e contratti; utilizza l idea delle intelligenze multiple. Nella progettazione inclusiva l insegnante: tiene conto dei bisogni educativi comuni e speciali degli alunni e delle alunne; progetta situazioni di apprendimento adeguate alle caratteristiche cognitive e affettive individuali; favorisce la partecipazione attiva di tutti e tutte con facilitazioni e supporti adeguati; utilizza modalità e strategie mirate per portare gli alunni e le alunne a processi di apprendimento consapevoli e progressivamente sempre più autonomi. importante evidenziare l affermazione della professoressa Daniela Lucangeli che ribadisce: «Ogni alunno e alunna ha diritto di esprimere le sue potenzialità al massimo. La didattica non deve dare a tutti la stessa cosa ma a ciascuno la migliore, in base alle sue possibilità . (www.asnor.it, 2020) 186

Volume 1
Volume 1
Tutto è possibile