SEZIONE SEGNALI PREDITTIVI

SEGNALI PREDIT TIVI SCHEDE Premessa Nel breve contributo che segue, evidenzieremo l importanza di riconoscere i segnali di rischio a partire dalla Scuola dell Infanzia, perché è il luogo dove il bambino o la bambina «costruisce le abilità indispensabili, veri e propri «mattoncini utili per l apprendimento. L Associazione Italiana Dislessia, in questi anni, ha promosso ricerche e approfondimenti per sottolineare la necessità di un approccio attento alle caratteristiche personali e a un insegnamento inclusivo. Propone azioni educative che possono essere utili alla prevenzione dello sviluppo di difficoltà di apprendimento e/o di veri e propri disturbi nella carriera scolastica di ogni bambino/a. Tuttavia, come associazione, vogliamo sostenere con forza che non ci si può limitare alla segnalazione precoce di difficoltà o all attribuzione di etichette o di stigmi, con tutte le conseguenze negative che potrebbero derivarne. Il riconoscimento dei segnali di rischio costituisce infatti il primo passo per aiutare ciascuno/a a imparare senza cercare di «normalizzare tutti/e rispetto a uno stereotipo di alunno, ricorrendo a modalità didattiche univoche e standard. In tale scenario, diventa fondamentale progettare e realizzare programmi di potenziamento e di adeguamento delle strategie didattiche al fine di attivare le risorse del bambino o della bambina per far loro sperimentare vissuti di autoefficacia e autonomia, favorendo gli apprendimenti. Scansiona il QRcode per scaricare le seguenti schede: schede 1-4 attività metafonologiche; schede 5-7 attività espressive e di comprensione del testo; schede 8-10 attività logico-matematiche; schede 11-14 attività motorie; schede 15-16 attività mnemoniche; schede 17-18 attività di attenzione. 159

Volume 1
Volume 1
Tutto è possibile