3. GLI AGGETTIVI

Parte II 3. Gli aggettivi Gli aggettivi sono elementi linguistici che arricchiscono e colorano il nostro linguaggio e sono fondamentali per l espressione accurata e vibrante sia nella scrittura sia nel parlato. Gli aggettivi sono l anima della descrizione. Grazie al loro corretto utilizzo, gli alunni possono dipingere vivide immagini nella mente del lettore o della lettrice e dell ascoltatore o dell ascoltatrice, rendendo le loro narrazioni più coinvolgenti e realistiche. Dalla descrizione di un paesaggio mozzafiato alla caratterizzazione di un personaggio in un racconto, dalla stesura di una relazione al completamento di un riassunto, gli aggettivi aggiungono sfumature e dettagli che catturano l attenzione e creano un esperienza sensoriale in chi legge o ascolta. Inoltre, l insegnamento degli aggettivi promuove la creatività e può incentivare alla scoperta di sinonimi e parole meno ovvie e comuni. In conclusione, insegnare agli alunni l importanza di un aggettivazione calzante è un investimento nel loro sviluppo linguistico, comunicativo e creativo. Dare la chiave per sbloccare la vastità e la bellezza del lessico è donare uno strumento prezioso per il successo in molteplici aspetti della loro vita. 3.1 La classificazione degli aggettivi L aggettivo è una parte variabile del discorso che accompagna il nome per indicarne una qualità o per precisarne alcuni aspetti. Gli aggettivi concordano in genere e numero con i nomi a cui si riferiscono. Gli aggettivi sono classificati in base alla loro funzione e al modo in cui descrivono i sostantivi. Ecco una sintesi schematica. Gli aggettivi possono essere: qualificativi: sono gli aggettivi più comuni e servono a qualificare o descrivere il sostantivo a cui si riferiscono (bello, grande, intelligente ecc.); possessivi: indicano il possesso o l appartenenza del sostantivo a cui si riferiscono (mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro ecc.); dimostrativi: indicano la posizione nel tempo o nello spazio di qualcuno o qualcosa, rispetto al parlante o al contesto (questo, codesto, quello ecc.); numerali: indicano la quantità o l ordine in una sequenza del nome a cui si riferiscono (uno, due e primo, secondo ecc.); indefiniti: indicano in modo indeterminato e generico la qualità, la quantità o l identità del nome cui si riferiscono (alcuni, molti, nessuno ecc.); interrogativi ed esclamativi: sono usati per fare domande o per introdurre esclamazioni (quale, quanto, che ecc.). 3.2 I gradi dell aggettivo qualificativo Gli aggettivi qualificativi possono essere declinati in tre gradi di comparazione. Positivo: è la forma base dell aggettivo, esprime semplicemente la qualità, senza indicare la misura in cui essa è posseduta e senza istituire paragoni (grande). Comparativo: mette in relazione due elementi o situazioni. Si divide ulteriormente in: 46

Guida alla scrittura creativa nella scuola primaria
Guida alla scrittura creativa nella scuola primaria