Il settore secondario

GEOGRAFIA Quaderno p. 118 Il settore secondario Il settore secondario comprende le attività lavorative che trasformano le materie prime in prodotti finiti, destinati all utilizzo e al consumo. Tali attività sono l artigianato, l edilizia e l industria. L artigianato L artigianato è una attività molto antica perché gli esseri umani hanno sempre trovato il modo di sfruttare le materie prime: le hanno trasformate in oggetti, strumenti di ogni tipo, mezzi di trasporto, armi, opere d arte, stoffe e gioielli. Oggi, l industria ha in parte sostituito questa pratica, ma l artigianato, nel nostro Paese, è ancora molto apprezzato. La lavorazione a mano delle materie prime rende i prodotti finali unici, originali e di qualità. L artigiano inventa il modello, segue dall inizio alla fine la costruzione del prodotto, utilizza materiali scelti e pregiati, impiega tutto il tempo necessario affinché il risultato corrisponda all idea originaria. anche in grado di riparare manufatti. Per questi motivi, i prodotti artigianali sono molto ricercati, anche se sono più costosi di quelli industriali. Rientrano nella categoria degli artigiani anche i fabbri e gli chef. L edilizia L edilizia consiste nella costruzione di strade, ponti, dighe, abitazioni e palazzi. Viene considerato edilizia anche il lavoro di manutenzione e di controllo delle strutture e la verifica del funzionamento degli impianti. Fanno parte del settore gli architetti, i muratori, i carpentieri, gli imbianchini, gli idraulici e gli elettricisti. Quali attività lavorative sono considerate artigianali? Cancella gli intrusi. imbianchino medico elettricista fabbro sarto violinista ceramista muratore insegnante falegname 72 Lavorazione di un vaso di argilla. Ceramiche artigianali di Capodimonte (Napoli) e vetri di Murano (Venezia), famosi in tutto il mondo.

GEOGRAFIA 4
GEOGRAFIA 4
SFOGLIAMONDO