STORIA 4

I CINESI Quaderno p. 153 Le attività Grazie alle continue inondazioni dei fiumi, le pianure abitate dal popolo cinese erano molto fertili. L attività principale era quindi l agricoltura: si coltivavano frutta, verdura, frumento, miglio e riso. Per portare acqua nei campi lontani dai fiumi, i Cinesi progettarono una vasta rete di canali e per coltivare anche i terreni sui pendii delle montagne realizzarono i terrazzamenti. Praticavano l allevamento di bovini, suini, ovini, cavalli e, per la prima volta, di bachi da seta. Gli artigiani fondevano il rame e l argilla per ottenere il bronzo, lavoravano la ceramica, la canna di bambù e la giada, cioè una pietra preziosa di colore verde-giallastro. I Cinesi erano molto abili nella tessitura della seta, ricavata dai bachi: un arte che soltanto loro conoscevano. Agli inizi commerciavano con i popoli del Vicino Oriente, poi, a partire dal 1000 a.C., il traffico di merci si espanse, fino a raggiungere il Mar Mediterraneo. Per spostarsi da una città all altra, i mercanti cinesi attraversavano le vie carovaniere e la più importante era la Via della seta, lunga più di 5 000 chilometri. Questa rotta commerciale collegava l Oriente all Occidente, due mondi fino ad allora separati, e il suo nome richiama la preziosa stoffa esportata in tutto il Mar Mediterraneo. A differenza delle altre civiltà con le quali erano in contatto, i Cinesi utilizzavano la moneta. La tecnica del terrazzamento si utilizza ancora oggi per coltivare il riso. Mercanti studiano il percorso della Via della seta. Completa con le parole evidenziate nel testo. Serviva per portare l acqua nei campi lontani dai fiumi. Servivano per coltivare i pendii delle montagne. Venivano utilizzate per il commercio. In rosso è indicato l itinerario terrestre della Via della seta. Veniva ricavata dai bachi. 81

STORIA 4
STORIA 4
SFOGLIAMONDO