STORIA 4

GLI EGIZI Quaderno p. 150 La scrittura Uno scriba egizio. Intorno al 3200 a.C. gli Egizi elaborarono una nuova forma di scrittura, chiamata geroglifica perché i suoi segni erano considerati dono degli dèi: «geroglifici , infatti, significa «segni sacri incisi . I geroglifici erano circa 800 e potevano rappresentare oggetti (pittogrammi), idee o azioni (ideogrammi). Siccome imparare a leggere e a scrivere il geroglifico era molto complesso, nel tempo gli Egizi introdussero due forme di scrittura più semplici: il demotico, utilizzato dal popolo, e lo ieratico, impiegato dai sacerdoti per i testi sacri. Lo scriba Il geroglifico era una scrittura molto complessa: richiedeva molti anni di studio e una rigida disciplina. Gli unici a saper leggere e scrivere erano gli scribi, per questo godevano di molto prestigio all interno della società. Per diventare scriba bisognava frequentare la scuola, chiamata «casa della vita , che si trovava all interno del tempio. Potevano accedervi soltanto i figli maschi delle famiglie ricche e il maestro era molto severo con gli alunni. Per scrivere utilizzavano i fogli ricavati dalla pianta di papiro e un bastoncino appuntito. FOCUS su... Sottolinea in rosso nel testo le risposte alle domande indicate. Come si chiama la scrittura egizia? Che cosa sono i geroglifici? Quali altre forme di scrittura introdussero gli Egizi? Perché? Chi erano gli scribi? La Stele di Rosetta La scrittura geroglifica è rimasta un mistero per secoli: solo con la scoperta di una stele nella città egizia di Rosetta, nel 1799 d.C., è stato possibile decifrarla. La Stele di Rosetta è una lastra di pietra nera su cui è inciso un messaggio in tre lingue diverse: il geroglifico, il demotico e il greco antico. L archeologo francese Jean-Fran ois Champollion riuscì a decifrare il geroglifico confrontando i suoi segni con l alfabeto greco. 69

STORIA 4
STORIA 4
SFOGLIAMONDO