STORIA 4

STORIA Quaderno p. 143 Attività e società L Anatolia era una regione montuosa e poco adatta all agricoltura, perciò gli Ittiti si dedicarono principalmente alla pastorizia, all artigianato, al commercio e all addestramento di cavalli. Quest ultima era una pratica sconosciuta alle altre civiltà e facilitava il trasporto. Gli Ittiti commerciavano con i popoli vicini attraverso il baratto e si spostavano in carovane. Re ittita sul trono. MI ALLENO A ESPORRE Utilizza i gruppi di parole indicati per ripetere a voce il contenuto della pagina. Cavalli, commercio Stati, re Professione Cavalieri, scribi, sacerdoti e mercanti Fedeltà, pagamento dei tributi Scrittura cuneiforme, leggi scritte Il popolo ittita era organizzato in tanti Stati indipendenti con a capo un unico re, che abitava ad Hattusa. Dopo il re c erano i cavalieri, ovvero ricchi nobili che si dedicavano per professione all addestramento militare e al combattimento. In cambio ricevevano dal re terre da coltivare e schiavi al loro servizio. Insieme agli scribi, ai sacerdoti e ai mercanti più ricchi, i cavalieri formavano un assemblea, chiamata pankus, che aveva il compito di eleggere il re e di aiutarlo a governare il popolo. Anche gli artigiani e gli allevatori erano persone libere, ma non potevano partecipare al pankus. A differenza dei Sumeri e dei Babilonesi, gli Ittiti non rendevano schiavi gli abitanti dei territori conquistati, ma promettevano loro protezione. In cambio, però, pretendevano fedeltà e il pagamento dei tributi. Per carovana si intende una compagnia di mercanti o di viaggiatori che si uniscono per attraversare regioni poco sicure. Religione e cultura Tarhun, divinità ittita. 42 Gli Ittiti erano politeisti. Essi assorbivano le usanze dei popoli che conquistavano e dai Babilonesi appresero la scrittura cuneiforme e l utilizzo di leggi scritte. Queste ultime non prevedevano pene corporali: si doveva ripagare la vittima solo con dei beni materiali.

STORIA 4
STORIA 4
SFOGLIAMONDO