Italiano Classe 5

Prova_TU_INVALSI_ITA_5_81_112.qxp_Layout 1 01/09/21 15:03 Pagina 87 35 45 50 55 60 65 PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Quinta - Fascicolo 1 40 Tornata da scuola, infa , non fece in tempo a lanciare lo zaino nel solito angolo che un coso minuscolo e peloso cominciò ad aggrapparsi alla zampa destra dei suoi pantaloni! Descrivere le urla emozionate di Mar na è assolutamente super uo e comunque non sarebbe possibile rendere l idea a par a ole. Intanto la mamma se ne stava in disparte, appoggiata allo s pite del soggiorno, a godersi quello spe acolo. Credo che la gioia esplosiva di Mar na la fece sen e molto orgogliosa del regalo, di sé e anche della glia. a Dopo una buona mezz ora di versi, sal , strilli e follie, quando la situazione parve tranquillizzarsi almeno un po , non perse però tempo e con tono a uosamente severo la ammonì: «Mar na! già, questa volta non disse Marta! «Io non mi sono dimen cata della tua promessa vediamo di mantenerla. E poi, sorridendo, ci aggiunse un bell u a a! «Tranqui, ma , prome simo!!! r ispose Mar na, e poi se ne andò in soggiorno ad arrotolarsi col cane. 4 Il pomeriggio passò in fr a. Quando, verso sera, la mamma passò davan alla camera di Mar na non poté non udire la voce di sua glia intenta a raccontarsi cose con il cane. Non solo ne udì la voce, ma ne sen chiaramente le parole: «Vieni qua, u a a! Siedi , u a a! Non così, dai, u a a ! Lo sguardo le si incupì. Certo si asp ava che Mar na potesse avere qualche ricaduta, ma non che tradisse la sua promessa così presto e, sopra u o, così spudoratamente. Aprì con decisione la porta della camera e vi si piazzò davan ri a. «Marta rieccola col nome solenne. In uno sguardo lungo tre o qua ro secondi la mamma racchiuse una quan tà incredibile di pensieri, che andavano dal conc o di obbedienza a quello di ducia, passando per le gerarchie familiari e il senso di responsabilità. Cominciò anche a vagliare alcune ipotesi sul des no di quella bes ola, così tenera e, almeno lei, innocente. Il tu o,, ripeto, in non più di qua ro secondi. Non ebbe infa il tempo di esporre a parole tu o questo, perché Mar na, con un sorriso da qua a là la an cipò e, porgendole il cucciolo, disse: «Mamma! Indovina? L ho chiamato UFFA! (Tra o e ada ato da: A. Valente, So o il banco , Milano, Fabbri Editori, Contras , 2011) 87

Italiano Classe 5
Italiano Classe 5
Prova tu! INVALSI Allenare le competenze linguistiche e logico-matematiche