Italiano Classe 2

prova COMPRENSIONE 4 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 Un giorno arriva dal mago un bambino che, tutto sconsolato, gli dice: Ho un amico canguro che mi prende sempre in giro perché non sono capace di fare salti alti come i suoi e non so saltare nemmeno uno sgabello! Vengo da te per chiederti di fare una magia; così salterò più in alto del canguro e lui non riderà più di me! Le parole del bambino colpiscono il mago, che prova molta simpatia per il bambino, così sconsolato. Allora decide di accontentarlo subito. Afferra e solleva la sua bacchetta magica. Le mani gli tremano, ma chiude gli occhi, ce la mette tutta e pronuncia la formula magica con voce decisa: Guizza veloce come un siluro, salta oltre il muro, più in alto di un canguro! Abrà Abrì, la magia è tutta qui! Proprio in quel momento passa di lì il canguro, che vede il bambino e grida: Poverino, poverino, ché non sai saltare nemmeno un pochettino! Guardami: ora salto più in alto delle canne di bambù! E il canguro fa un salto più alto delle canne di un boschetto di bambù che era vicino alla casa del mago. Ma, mentre salta, non si accorge che il bambino è uscito dalla casa del mago e sta saltando molto più in alto di lui! Il bambino guarda in basso, vede il canguro e strilla felice: Guarda in su, guarda in su: ho saltato molto di più! Da quel giorno il canguro non ha più preso in giro il bambino! E il mago? Il mago ha vinto la paura e fa magie bellissime per tutti! Adatt. da P. Carpi, Il libro delle storie corte, Nuove Edizioni Romane 4O

Italiano Classe 2
Italiano Classe 2
PROVIAMO LE INVALSI!