L’accento

Ortografia Quando parliamo, oppure leggiamo a voce alta, pronunciamo alcune sillabe con maggiore forza rispetto alle altre: nella parola felìce la voce è più alta quando si pronuncia la vocale I. L innalzamento della voce sulla sillaba di una parola si chiama accento tonico e nella lingua italiana non si scrive. Quando l accento viene scritto, prende il nome di accento grafico. n PAS in PI La posizione dell accento può cambiare il significato delle parole: àncora (nome) ancòra (avverbio). obbligatorio scrivere l accento grafico: quando l accento tonico cade sulla sillaba finale di parole bontà, città, onestà, perché; con più di una sillaba su è del verbo essere per distinguerla dalla congiunzione e il mio giardino è grande e fiorito; sui monosillabi, cioè parole formate da una sola sillaba, giù, già, più, può, ciò; che terminano con due vocali trentatré, rossoblù, blù, sui composti delle parole tre, blu, su lassù; su alcuni monosillabi, per distinguerli da quelli che hanno o lo stesso suono, ma significato differente dà (verbo) / da (preposizione) tè (nome) / te (pronome) né (congiunzione) / ne (pronome o avverbio) là (avverbio) / la (articolo) dì (nome) / di (preposizione) lì (avverbio) / li (pronome) sé (pronome) / se (congiunzione) sì (avverbio) / si (pronome) MI ESERCITO E IMPARO 1. Metti l accento al posto giusto. Nella baita di Giovanni non c e l elettricita. Ho piu sonno di te. Perche non termini di leggere questo libro? Il caffe e una bevanda molto diffusa nel mondo. Domani verra a trovarmi la mia amica Anna. Dimmi la verita: dove sei stato fino a ora? 18 SO u L accento ESERCIZI PAG. 155

Riflessione Linguistica 4 con soluzioni
Riflessione Linguistica 4 con soluzioni
L’avventura dei linguaggi