L'Ora di Religione - N° 7

opportuno sottolineare la stretta connessione tra la Veglia Pasquale e l evento della Risurrezione, nodo centrale del credere. In chiesa, per la Messa domenicale, si riuniscono adulti e bambini, uomini e donne, giovani e anziani. Ma che cosa unifica tutte queste persone, la gran parte delle quali spesso neppure si conosce? Li unisce la loro amicizia con Gesù. Credere a Lui. Affidarsi a Lui. Avere fede in Lui. Aiutiamo i bambini a intuire qualche semplice differenza tra il concetto di «gruppo e quello di «comunità . Che cosa significa «essere gruppo ? (stare bene insieme, ecc.). Quali sono le caratteristiche di un gruppo? (avere uno scopo comune: praticare uno sport, fare danza, ecc.). Che cosa significa «essere comunità ? (credere nelle stesse cose e nella stessa persona). Quali sono le caratteristiche di una comunità? (avere uno stesso credo e manifestarlo con azioni e riti, come ad esempio partecipando alla Messa, momento di unità tra tutti i cristiani, avere lo stesso stile di vita e lo stesso grande progetto, quello di collaborare alla costruzione del Regno di Dio). importante che l insegnante sottolinei la novità della vita di Gesù Risorto, anche attraverso la lettura di qualche racconto delle apparizioni narrato nel Vangelo (Mt 28,9-10; 28,17-20; Lc 24,36-53; 24,13-35). Abbia cura di evidenziare la nuova, complessa e misteriosa realtà della vita di Gesù Risorto. Così come il dichiarare apertamente di non sapere «come l evento sia accaduto. Gli evangelisti non raccontano «come è avvenuta la Risurrezione di Gesù, ma descrivono i segni che l accompagnano: il terremoto, l angelo del Signore che appare alle donne, la pietra sepolcrale rotolata, ecc. (cf Mt 28,1-3) e riportano le apparizioni. Si tratta della componente «mistero , ineliminabile in qualunque esperienza religiosa, da offrire non come «muro , ma come «finestra aperta su un mondo ragionevole, che però la ragione non può contenere. Si tratta di non rimanere chiusi nella logica umana. 3. Il significato della Risurrezione nella vita del credente L evento sconcertante della Risurrezione di Gesù, per chi sceglie di credere (dato che i testimoni oculari non sono più presenti tra noi), prosegue tuttora in una vicenda che va oltre il tempo e lo spazio. Un evento che trasforma profondamente la vita, che impegna ad annunciare a tutti il Risorto e a testimoniarlo in ogni atto della vita quotidiana (= lo stile di vita del cristiano). L evento drammatico della morte assume un ottica diversa alla luce della Risurrezione, momento di passaggio dalla vita terrena all eternità: «Io sono la Risurrezione e la vita: chi crede in me, anche se muore, vivrà (Gv 11,25). Queste parole di Gesù aprono il credente alla speranza perché la vita non si perde nel nulla, ma si trasforma. Il che non significa che il cristiano non provi dolore: è persona umana, fatta anche di sentimenti ed emozioni, per questo anche lui piange e soffre. Ma il suo dolore, le sue lacrime, non sono di disperazione perché sa che la persona cara non è perduta per sempre, ma continuerà a vivere, anche se in modo misterioso, non totalmente spiegabile con la ragione umana. 2. L esperienza di Gesù Risorto L esperienza di Gesù Risorto è l evento straordinario che trasforma i suoi discepoli. l incontro con Lui, che è «la Vita , che infonde loro coraggio e li rende consapevoli che è Lui il Figlio di Dio, il Messia. Non si tratta di una «bella storia perché a lieto fine, bensì di una vicenda finita umanamente male (la morte di un innocente che si era proclamato Figlio di Dio), ma che si conclude con un avvenimento sconcertante (la Risurrezione dalla morte di quello stesso uomo che viene confermato Figlio di Dio dal Padre stesso). Domandiamo ai bambini: Che cosa significa «morire ? Che cosa significa «risorgere ? (si dice che il sole «ri-sorge = sorge nuovamente). Che cosa significa affermare che «Gesù è risorto ? L Ora di Religione 45 Aprile-Maggio 2024 PRIMARIA necessario sgomberare il campo da almeno due errate interpretazioni: «nascere di nuovo : Gesù non tornò bambino; «risvegliarsi come da un sonno profondo . Gesù non riprese a vivere nello stesso modo in cui aveva fatto fino alla sua crocifissione. celebrazione della Morte e Risurrezione di Gesù; preghiera solenne, fatta insieme alla comunità per sottolinearne l unione che lega le persone che vi partecipano (At 2,46); impegno settimanale ricordato dal suono delle campane.

L'Ora di Religione - N° 7
L'Ora di Religione - N° 7
Aprile-Maggio 2024