L'Ora di Religione - N° 5

Come si fa: l insegnante propone ai bambini di ricordare alcune situazioni di conflitto che hanno vissuto in classe tra di loro e di riviverle mettendole in scena; dopo avere definito e scelto, guidati dall insegnante, le situazioni che possono essere considerate più significative in base agli obiettivi del modulo o più divertenti e leggeri per la simulazione che dovranno fare dopo, la classe viene divisa in piccoli gruppi; CIRCLE TIME Cerchio conclusivo, ascolto del vissuto dei bambini e condivisione rispetto all attività che hanno fatto. L insegnante cerca di aiutare i bambini a esprimere il loro punIL NOCCIOLO to di vista non tanto sul conflitto ogni gruppo può essere com(K KHSHFHN ODQ H A@LAHMH £ in sé, quanto su come hanno fatto posto da un numero variabile di K NBB@RHNMD ODQ RSQTSSTi bambini per uscire da quella sibambini; Q@QD K @QD@ CDKK @ DQL@tuazione e riuscire a riconciliarsi e non è necessario che tutti abYHNMD CH R¤ D PTDKK@ CDKK@ rappacificarsi, sottolineando come biano un ruolo diretto nel conQDFNK@YHNMD QDBHOQNB@ litigare, arrabbiarsi o intristirsi siaflitto, alcuni bimbi possono ricono assolutamente reazioni normali prire il ruolo di persone che erae naturali per cui non devono senno presenti nella situazione pur tirsi in colpa, sarebbe strano se non avendo un ruolo marginale o esterno al conflitto succedesse mai. (Rivivere una situazione di litigio di un evento L emergere di eventuali tensioni non risolte passato può aiutare i bambini a vivere e osservanel gruppo classe viene considerato come un sere questa situazione con una maggiore serenità e gnale molto importante per l insegnante, che avrà neutralità: dopo un certo tempo possono essersi modo di confrontarsi rispetto a queste dinamiche addirittura dimenticati di avere litigato o di essecon l equipe educativa di cui fa parte, senza core stati arrabbiati uno con l altro, e anche questa stringere forzatamente i bimbi coinvolti a un rappuò essere una lezione molto importante); pacificamento immediato. L incontro si conclude cercando di lasciare dopo avere avuto un tempo per prepararsi, ai bambini, al di là dell andamento dell attività i diversi gruppi mettono in scena la situazione precedente, un vissuto positivo. L insegnante che hanno scelto; è importante che per tutto spiega loro che per abitare tutti insieme nella l incontro l insegnante cerchi il più possibile di stessa casa bisogna essere bravissimi per riuattenersi alle indicazioni di Daniele Novara nel scire davvero a volersi bene e ad andare d acsuo libro, facendo un passo indietro quando necordo, come sanno bene dalla loro esperienza cessario e limitando al minimo i suoi interventi familiare. perché i bambini imparino a fare da soli, secondo le linee guida del suo metodo: - non cercate il colpevole; - non fornite la soluzione del litigio; - fateli parlare fra loro del litigio; NEL PROSSIMO NUMERO - favorite il raggiungimento di un accordo tra loro. -DK LNCTKN RTBBDRRHUN H A@LAHMH UDQQ@MMN HMUHS@SH @ CHRSTQA@QD O@BH B@LDMSD H A@LAHMH CDKKD @KSQD BK@RRH ODQ K@RBH@QD KNQN TM LDRR@FFHN CH O@BD D CH RODQ@MY@ L attività può essere organizzata in diversi modi in base al tempo disponibile e alla composizione del gruppo. Nel caso in cui il conflitto si sia risolto, si può chiedere a ogni grup- L Ora di Religione 41 Febbraio 2024 PRIMARIA po di interrompere la sua simulazione quando non è ancora avvenuta la riappacificazione, chiedendo agli altri bambini che cosa avrebbero fatto per fare pace. Oppure si può lasciare i bambini liberi di rappresentare sia il momento del conflitto sia la sua risoluzione, facendo emergere da loro nel momento di cerchio finale ciò che ha portato a una soluzione positiva della situazione. sca le dinamiche che i bambini dovranno mettere in scena e che aiuti l ascolto reciproco tra di loro.

L'Ora di Religione - N° 5
L'Ora di Religione - N° 5
Febbraio 2024