L'Ora di Religione - N° 5

Indicare gli strumenti e i mezzi. La scelta e l utilizzo degli strumenti e dei mezzi è finalizzata all ottimizzazione ed efficacia del processo didattico progettato. Il mezzo o lo strumento deve essere sempre funzionale alle attività da svolgere e agli obiettivi da raggiungere. L Ora di Religione Ci occuperemo della progettazione delle UDA e delle unità di lavoro formativo o unità didattiche, cercando di entrare nel mondo della micro-progettazione didattica. 17 Febbraio 2024 FORMAZIONE IDR Indicare le modalità di verifica. La verifica non deve essere mai confusa con la valutazione, anche se le due attività sono strettamente correlate. La verifica serve all insegnante per capire se gli studenti si sono avvicinati ai traguardi scelti, se hanno raggiunto gli obiettivi, capire il livello e la qualità di apprendimento dei contenuti. La Definire gli obiettivi generali. Rappreverifica serve al docente per capire come sta prosentano gli step necessari per avvicinare l aluncedendo il processo didattico messo in essere, è no al traguardo di competenza e avviarlo verso una vera e propria attività di monitoraggio. Le lo sviluppo delle competenze chiave e sociomodalità sono tante, in letteratura ne troviamo emotive. Vygotskij direbbe: tutte quelle azioni di diversi generi e per ogni situazione, ovviamentese a condurre l alunno verso «la zona di svilupte anche in questo caso la modalità di verifica è po prossimale . strettamente correlata al tipo di progettazione. Nella fattispecie della progettaScegliere gli obiettivi spezione per competenze, sono da cifici di apprendimento. Li troprediligere le prove di realtà, o i viamo definiti nelle Indicazioni NaIL NOCCIOLO compiti in situazione, e la produzionali, tranne che per l infanzia; zione di prodotti da presentare per si compongono di conoscenze e La progettazione didattiapprezzarne il valore ed esprimere abilità; sono da considerare come ca come strategia per geun giudizio (valutazione). dei contenuti formativi generali. stire i processi didattici e Con altre parole, possiamo dire La valutazione. L attività di formativi che sono ciò che devono sapere e valutazione è, in sintesi, il ricosaper fare gli alunni. noscimento del valore che c è nel prodotto, attraverso il quale il docente può espriDefinire i tempi e le attività. In questa mere un giudizio che attesta: come e di quanto fase è opportuno aver chiaro il tempo che si ha l alunno si è avvicinato ai traguardi, al raggiuna disposizione. Scegliere quanto tempo si vuole gimento degli obiettivi, all acquisizione delle codedicare all azione didattica progettata per ragnoscenze e alla sua capacità di saperle utilizzare. giungere gli obiettivi generali e quelli specifici di apprendimento. In base ai tempi, scelgo il numeReport finale. Rappresenta l attività di doro di attività che servono per realizzare quanto cumentazione che dà al docente la possibilità di progettato, tenendo presente che anche la verifidimostrare come ha lavorato e i risultati che ha ca è da considerare un attività didattica. raggiunto, ma serve pure a collegare il processo didattico delle varie UdA, rilanciando il percorso Indicare le metodologie, le tecniche e le successivo oppure rivedere quello svolto per opestrategie didattiche. In questa sezione è opporrare degli aggiustamenti. uno degli elementi tuno scegliere la metodologia adatta, così pure le fondamentali per la documentazione didattica. tecniche e le strategie necessarie per rendere efficace il percorso formativo, garantendo il raggiunAbbiamo visto come la progettazione didattigimento degli obiettivi e un proficuo apprendica è un processo molto complesso che necessita mento. La scelta della metodologia, delle tecniche di uno studio attento delle varie fasi per poter rie delle strategie è correlata alle attività da svolgere spondere al criterio di efficienza, al fine di poter e agli obiettivi da raggiungere. Come abbiamo più arrivare al massimo dell efficacia della proposta volte detto le Indicazioni Nazionali e la progettaeducativa messa in essere. zione per competenze presuppongono l utilizzo di metodi, metodologie e tecniche attive, secondo i principi dell attivismo, del costruttivismo, del costruzionismo e della didattica laboratoriale. NEL PROSSIMO NUMERO po (individuare la competenza focus); scelta dei traguardi per lo sviluppo delle competenze. utile definire un profilo di competenza a cui si vuole dare un contributo con il proprio percorso didattico, scegliendo i traguardi e le competenze (disciplinari, chiave e orientative).

L'Ora di Religione - N° 5
L'Ora di Religione - N° 5
Febbraio 2024