L'Ora di Religione - N° 3

INFANZIA Unità di Apprendimento A ogni turno sceglierete tre carte con tre immagini; un bambino dovrà pronunciare il nome dell oggetto riportato su una delle tre carte, oggetto scelto da voi e che gli avrete comunicato «di nascosto . Gli altri bambini, invece, avranno delle maracas che potrete costruire con loro (bicchieri usa e getta, o vasetti di yogurt di recupero e legumi secchi) o che avrete precedentemente preparato. Mentre il compagno che vuole comunicare il nome dell oggetto pronuncia la parola, gli altri dovranno suonare le maracas, il secondo componente della coppia dovrà poi tentare di indovinare la carta corretta. Quando tutti avranno provato i diversi ruoli, proponiamo un momento di circle time e domandiamo quale è stata la cosa più difficile del gioco. Sicuramente i bambini, tra le varie risposte, diranno che il caos creato dalle maracas non permetteva una facile comunicazione. A questo punto sottolineate il ruolo fondamentale che ha il silenzio nella nostra vita quotidiana, a scuola, ma anche a casa è importante che possiamo ascoltarci, e per questo dobbiamo fare silenzio. Disegno di Franca Vitali perché Giuseppe e Maria erano a Betlemme? Abbiamo già raccontato ai bambini che Maria riceva la visita dell angelo che le porta un messaggio da parte di Dio, come sono soliti fare gli angeli, postini di Dio. Maria era in quel momento a Nazaret. importante che durante il racconto, che vorremmo fare dialogato, voi abbiate una mapè a disposizione una pa della Palestina (nei cartina, da scaricare e proiettare). L ideale sarebbe avere una mappa 3d, ma andrà bene anche un disegno purché sia ben visibile e consultabile dai bambini. Indicate sulla vostra mappa Nazaret. Spiegate quindi ai bambini che l imperatore romano che regnava anche sulla Palestina in quel tempo voleva contare i suoi sudditi per essere certo che tutti pagassero le tasse. Forse alcuni termini possono essere difficili per i bambini, utilizzate sempre la tecnica della conversazione per verificare la comprensione dei bambini. Torniamo al nostro racconto. Per questo conteggio, che si chiama «censimento , ognuno doveva recarsi nella città d origine della propria famiglia. Maria era la moglie di Giuseppe e doveva recarsi nella città di origine della famiglia di Giuseppe: Betlemme. Mostrate anche Betlemme sulla mappa. Maria e Giuseppe dovranno fare un lungo viaggio; Presentate dunque la figura di Maria raccontando l episodio dell Annunciazione. Vi consiglio di ricorrere all aiuto dell arte. L episodio dell Annunciazione è stato raffigurato nella storia in modo diverso. L Annunciazione del Beato Angelico, nel convento di San Marco a Firenze (cella 3), riesce a comunicare un dialogo silenzioso tra la Vergine e l angelo. Delicati, eleganti e aggraziati i due protagonisti comunicano senza che nessuno dei due proferisca parola. Ma c è una parola che dobbiamo far ricordare ai nostri bambini: il «sì di Maria. Maria lo comunica, nel dipinto, con il suo atteggiamento. A questo punto proponiamo ai bambini di riprodurre il dipinto, per i più piccoli possiamo chiedere di dipingere lo sfondo e poi consegnare le immagini dei due protagonisti che incolleranno cercando di riprodurre le corrette posizioni. E venne ad abitare in mezzo a noi A Natale ricordiamo la nascita di Gesù a Betlemme. Dio viene ad abitare la Terra. Iniziamo con il racconto della nascita di Gesù. Che cosa dobbiamo sottolineare? Innanzitutto bisogna far comprendere ai bambini la dinamica della vicenda: L Ora di Religione 24 Dicembre 2023

L'Ora di Religione - N° 3
L'Ora di Religione - N° 3
Dicembre 2023